Domande di oggi

Il fallito colpo di stato in Turchia e il successivo passo verso la svolta autoritaria di Erdogan sta spaventando gli investitori internazionali che negli ultimi 14 anni sono affluiti in massa sul Bosforo.   Vittorio Da Rold, «La svolta autoritaria blocca gli investimenti», Il Sole 24ore, 22 luglio 2016     La risposta in un Pixel   Gli investimenti diretti esteri sono i flussi di investimenti effettuati all’estero da una impresa residente, allo scopo di stabilire un interesse durevole in un’attività imprenditoriale, o in un’impresa operante ...
ecoint_cover
«Un’altra minaccia finanziaria, potenzialmente persino più pericolosa del referendum britannico, incombe sull’Europa: le banche italiane sono ad un passo da una crisi finanziaria». Bisogna davvero preoccuparsi?   «I guai delle banche italiane, spiegati», Il Post, 9 luglio 2016   La risposta in un Pixel   Le crisi finanziarie si manifestano nella forma di fenomeni particolarmente critici e destabilizzanti che possono interessare, in forma disgiunta o, più probabilmente, in forma congiunta, sia gli strumenti sia i mercati sia ...
finanza_cover
[… ] NoMa, acronimo di “No Mafia”. È l’applicazione che, attraverso la realtà aumentata e le voci di personaggi dello spettacolo di origine siciliana, permette di visitare Palermo “alla scoperta” dei luoghi in cui sono avvenuti gli attentati mafiosi.     Antonella Di Noia, «Raccontare Palermo per non dimenticare le “storie” di mafia. Con la realtà aumentata», StartupItalia, 2 luglio 2016   La risposta in un Pixel   «L’Augmented Reality (AR), in italiano, letteralmente, ...
mkt digitale_cover
«No, non credo che la globalizzazione si fermerà. L’innovazione scientifica è un fenomeno globale. Curare il cancro, sradicare la malaria e la poliomielite, combattere l’Hiv sono attività globali. Gli scienziati collaborano a livello globale più di quanto sia mai accaduto prima. E l’Europa dovrebbe essere orgogliosa del contributo dato ai Paesi poveri».   Massimo Franco, «Bill Gates: la globalizzazione va avanti All’Italia conviene aiutare l’Africa», Corriere della Sera, 26 giugno 2016   La risposta in ...
RELAZIONI INTERNAZIONALI_cover
Il dilemma del prigioniero – una delle versioni più semplici di game theory, applicato a economia, politica internazionale, strategia militare, ecologia – mostra come un comportamento egoista da parte dei giocatori arrechi un danno generale mentre, al contrario, un atteggiamento di cooperazione razionale sia la soluzione migliore per tutti.   Marco Magnani, «Mondo multipolare tra conflitto e cooperazione», AffarInternazionali, 15 giugno 2016     La risposta in un Pixel   «Il più famoso di tutti i giochi è sicuramente il ...
matematica_cover
Sono oltre 10mila, di cui 1466 morti, le vittime curde in due anni di guerra in Iraq contro i jihadisti dello Stato Islamico (Isis) autoproclamatosi il 29 giugno 2014. A rivelarlo sono le autorità della regione autonoma del Kurdistan iracheno.   «Iraq, 1466 i morti curdi in due anni di guerra all’Isis», askanews.it, 13 giugno 2016     La risposta in un Pixel   «I Curdi, una popolazione di circa quaranta milioni di persone divisa tra Turchia, Iran, Iraq, Siria e Armenia, è un grande gruppo etnico di origine indo-iraniana e di religione musulmana ...
RELAZIONI INTERNAZIONALI_cover
800 persone bastano per decidere se a Milano vincerà Sala o Parisi? Le interviste hanno una logica, non sono casuali. C’è un campione studiato in funzione di tanti parametri della popolazione: la giusta distribuzione di uomini e donne, la giusta distribuzione per età, il giusto livello di istruzione.   Francesco Cancellato, «Elezioni, ecco perché i sondaggi sbagliano (ma spesso ci beccano)», Linkiesta, 3 giugno 2016     La risposta in un Pixel   «Quando si parla di campione, l’ambizione è quella di disporre di ...
statistica_cover
Tra quindici anni la rivoluzione fintech nelle banche avrà avuto un effetto “disruptive” (distruttivo). Rimarranno poche filiali fisiche. L’home banking ci dirà come investire i risparmi monitorando i nostri bonifici sfruttando le potenzialità dei Big Data.   Fabio Savelli, «Un passo nel futuro con l’«industria 4.0», Corriere della Sera, 30 maggio 2016     La risposta in un Pixel   «L'espressione «big data» è entrata a far parte della retorica e delle pratiche digitali verso la fine del ...
mkt digitale_cover
Le misure adottate dall’Ue contro la Russia hanno mostrato come le sanzioni siano diventate il principale strumento di politica estera dell’Unione. Sergio Fabbrini, direttore della LUISS School of Government, ha spiegato il consenso che questo strumento è capace di raccogliere tra gli Stati membri: “Da un lato, l’Ue è principalmente un blocco economico e, sotto il profilo dell’economia, può esercitare una concreta proiezione internazionale. Dall’altro lato, l’Unione è un insieme composito: comprende Stati tradizionalmente ...
RELAZIONI INTERNAZIONALI_cover
Nei giorni scorsi Nokia ha annunciato che ricomincerà a produrre telefonini. Per augurare buona fortuna alla multinazionale finlandese, il Telegraph di Londra presenta la lista delle aziende considerate finite e che successivamente si sono incredibilmente risollevate. […] La storia più celebre di un’azienda data per morta che si risolleva è indubbiamente quella di Apple. Anzi, Cupertino fa di più. Diventa la multinazionale più potente al mondo. Tutto merito di Steve Jobs che dopo essere stato cacciato dalla Apple nel 1985, riprende le redini della ...
Strategia II_cover